Muffin salati melanzane e scamorza

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

muffin salati melanzane e scamorza
Muffin salati melanzane e scamorza sono dei deliziosi antipasti. Facili e veloci da preparare, ottimi per buffet o aperitivi.

Muffin salati melanzane e scamorza

muffin salati melanzane e scamorza
Dosi per 10 muffin Preparazione: 20 min Tempo di cottura: 15 min Difficoltà: Facile

  • 130 g di farina
  • grana
  • 1 uovo
  • 40 ml di olio
  • 1 melanzana
  • 100 ml di latte
  • scamorza
  • sale e pepe
  • basilico
  • 1/2 bustina di lievito per torte salate

Preparazione

  1. Lavate e spuntate la melanzana. Tagliatela a dadini e fate rosolare in padella con un filo d’olio.
  2. Disponete la farina, il grana grattugiato e il lievito in una ciotola.
  3. Aggiungete le melanzane, il basilico e la scamorza tagliata a cubetti, mescolate.
  4. In un’altra ciotola mescolate l’uovo con il latte e l’olio, salate e pepate.
  5. Versatelo nella ciotola con le melanzane e mescolate velocemente in modo da amalgamare tutti gli ingredienti.
  6. Imburrate e infarinate gli stampini da muffin. Versate il composto a cucchiaiate fino a riempire i 2/3 degli stampini.
  7. Infornate i muffin salati melanzane e scamorza in forno preriscaldato e cuocete a 180°C per 15 minuti circa (fino a quando risulteranno dorati in superficie)
  8. Lasciate intiepiepidire i muffin salati melanzane e scamorza prima di servire

Propongo per questa ricetta, il film Changeling diretto da Clint Eastwood, interpretato da Angelina Jolie e John Malkovich. La pellicola è basata su una storia vera.

changeling

Scheda film
changeling locandina

imagesNazione e anno: USA 2008
genereGenere: Drammatico
durata Durata: 140 min
regia Regia: Clint Eastwood
sceneggiatura Sceneggiatura: J. Michael Straczynski
attori Attori: Angelina Jolie, John Malkovich, Amy Ryan, Jason Butler Harner, Jeffrey Donovan, Michael Kelly (II), Devon Conti, Eddie Alderson, Gabriel Schwalenstocker, Jason Ciok, Colm Feore, Devon Gearhart, Geoff Pierson, Gattlin Griffith

Los Angeles,1928: un sabato mattina in un quartiere popolare alla periferia della città; una madre nubile, Christine Collins saluta il figlioletto Walter di 9 anni e si incammina verso la società telefonica dove lavora come centralinista. Rientrata a casa, si accorge della scomparsa del figlio. Walter, sembra sparito senza aver lasciato traccia, le lunghe ed estenuanti ricerche non portano a nulla …finché, cinque mesi dopo, un bambino, che afferma di essere Walter, viene riconsegnato alla polizia che non vede l’ora di sfruttare l’ondata di popolarità che seguirà al ricongiungimento della madre col figlio. Stordita dalla confusione di poliziotti, reporter e fotografi e sopraffatta da un insieme di emozioni contrastanti, Christine accetta di riprendersi il ragazzo pur sapendo, nel profondo del cuore, che quel bambino non ha nulla a che fare con il piccolo Walter. Nei vari tentativi per convincere la polizia a riprendere le ricerche del figlio, Christine si rende conto che, nella Los Angeles dell’era del Proibizionismo, le donne non sfidano il sistema e si limitano a raccontare la loro storia. Tacciata di paranoia e infermità mentale, trova un alleato nel reverendo Gustav Briegleb , attivista della comunità presbiteriana locale, che la aiuta a trovare risposte alla scomparsa del figlio.

Share.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.